Le buone abitudini continuano … Una lezione “particolare” Il sindaco in classe!

Anche quest’anno noi ragazzi della scuola media “A. Frank” di Biandronno abbiamo
incontrato il sindaco.

Le buone abitudini continuano …
Una lezione “particolare”
Il sindaco in classe!

immagines2Martedì 11 marzo è stato un giorno particolare per noi studenti della classe I media: il sindaco Antonio
Calabretta e una sua assistente, la signora Lorenza Monciardini , sono stati nostri ospiti.
Questo incontro è stato organizzato dalla nostra professoressa Marchesi a conclusione di un ciclo di lezioni
sugli enti locali nella materia di cittadinanza.
Nonostante ci fossimo preparati con domande elaborate da noi e con interviste rivolte ai nostri genitori, al
momento fatidico eravamo un po’ emozionati. Comunque, dopo una iniziale timidezza, eravamo a nostro
agio e il nostro incontro si è trasformato in una piacevole chiacchierata, grazie anche alla disponibilità dei
nostri ospiti: alcune domande sono sorte spontanee e abbiamo divagato su molti argomenti.
Le nostre domande principalmente trattavano argomenti riguardanti le attività che si svolgono nel
Municipio, la gestione di un Comune, le elezioni di un sindaco, i compiti e gli impegni quotidiani del “primo
cittadino”; con molta pazienza i nostri ospiti hanno soddisfatto tutte le nostre curiosità grazie anche ad un
libretto, consegnatoci dalla signora Monciardini, che spiegava i vari settori di competenza dei diversi uffici
comunali.
In questo modo abbiamo saputo, per esempio, che Biandronno ha 3.300 abitanti e che insieme ai cittadini
di Bardello, Bregano e Malgesso disponiamo di cinque vigili urbani, dotati di due autovetture con il
misuratore della velocità.
Erano tante le nostre curiosità e così abbiamo imparato che il sindaco può dimettersi facendone richiesta al
Prefetto, che quest’anno è il suo ultimo anno in carica perché è stato rieletto due volte consecutivamente e
che per legge devono trascorrere cinque anni prima che possa ricandidarsi.
Abbiamo capito un po’ di più il funzionamento della “macchina” elettorale, che ci vedrà protagonisti al
compimento dei diciotto anni.
Siamo venuti a conoscenza dell’importanza del nostro paese, perché ha una delle poche aree totalmente
naturali ancora esistenti sul lago; a salvaguardia di ciò non è possibile costruire una pista ciclabile che si
colleghi a quella di Varese. Dobbiamo preservare un particolare ecosistema come è quello della palude!
È stata un’esperienza così gratificante che una nostra compagna ha espresso il desiderio di andare a
lavorare in Comune. A tal proposito, la signora Monciardini ci ha informato che tutte le quattordici persone,
presenti negli uffici comunali, sono state assunte solo dopo il superamento di un concorso.
Quasi sul finire dell’incontro l’insegnante ha riferito ai nostri ospiti del nostro sito : il sindaco ci ha detto di essere fiero del nostro lavoro, promettendoci di pubblicizzarlo su una rivista locale.
Il partecipare ad una lezione così interessante non solo ci ha fatto “dimenticare” la verifica dell’ora
precedente, ma ci ha fatto soprattutto sentire giovani cittadini.
Il tempo è volato e dopo due ore abbiamo salutato i nostri ospiti con un applauso e con… delle caramelle,
per condividere il compleanno di un nostro compagno: sicuramente non è da tutti festeggiare col sindaco
della propria città!

        Immagine                          Immagines3

I ragazzi della 1^ A

Advertisements